Selfie’s Story

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Lo chiamano selfie ma è il vecchio autoscatto. Sembra una mania di recente affermazione, in realtà viene da lontano.

La storia del vecchio nuovo rito più amato o odiato nell’era della smart-comunication, nasce da molto lontano. C’è chi definisce selfie anche gli autoritratti dei più importanti pittori, da Van Gogh a Picasso.
Nella fotografia i primi selfie risalgono alla nascita della fotografia stessa alla prima metà dell’Ottocento, quando ancora la foto si passava su lastre di rame. Cinquant’anni dopo, quando la tecnica ha cominciato ad essere diffusa, si cominciavano a fare i selfie. La granduchessa russa Anastasia Nikolaevna sembra essere stata la prima, agli inizi del novecento, ad avere l’idea di girare la sua nuova e fiammante Kodak Brownie, girando la macchina e posizionandosi davanti allo specchio.  Dopo di lei molte celebrità. Lo ha fatto il regista Stanley Kubrik, Oriana Fallaci, Andy Warhol e Edvard Munch. Negli anni 60 poi è stato il turno dei Beatles e di John Lennon che in un concerto al Shea Municipal Stadium di New York si giro con le spalle al pubblico, tenendo in mano la macchinetta fotografica, e scattò una foto per ritrarsi con i propri fan.

foto tratte dal sito Repubblica.it

Nell’era della digitalizzazionein principio furono i social network, MySpace in primis, Facebook eTwitter poi, a richiedere un’immagine profilo e chi non ne aveva una salvata sul computer la scattava con la fotocamera del pc stesso.

Con l’avvento degli smartphone edei tablet il selfie viene riletto come un autoscatto vanitoso o spiritoso.

Dai politici alle celebrità del mondo dello spettacolo, tutti sono caduti nella trappola del selfie, di questa nuova moda che spopola tra giovani e meno giovani!

E quindi fatti un selfie e condividilo!



I commenti sono chiusi.

nike sneakers e scarpe sportive online Nuovi Jordans Outlet Online Nike Air Max Outlet Online Nike Free Outlet Online